ARCI TAUN. Fidenza (PR) 20 aprile 2013

di fuoritono

fidenza

 

SCALETTA: CASO, IL BUIO

IN MACCHINA: solo

C’ero già stato da solo ed era andata buca; stasera siamo in sei eppure buchiamo ancora. Poi è vero che noi sei quando suoniamo insieme siamo una band e non solo su quella canzone lì. E’ vero che ci basta poco, una battuta stupida fatta sul biliardino per spostarla sul palco e portarcela con noi lungo tutta la serata. Però i conti non mi tornano comunque qui. Se organizzo una data chiamo gruppi che mi piacciono, che stimo e lo dico a tutti gli amici. Lo dico al modo che suonano quella sera lì nella mia città e insisto, a costo di portarcelo di forza il mondo. Invece qui, almeno stasera, non va così. Anzi chi organizza non c’è e forse è alla serata nell’altro club vicino, dove c’è un’altra festa a cui partecipare. A volte è sfortuna la concomitanza di eventi; spesso è evitable. Però qui ci sono due band che fanno i chilometri e perdono la giornata di lavoro per suonare di fronte a nessuno. Non ha senso. Poco importa se il rimborso è garantito. Torno subito, non mi fermo per la notte; torno anche con la pioggia fortissima e la strada male illuminata. Ho toppato due su due qui e vorrei fosse mia la colpa: vorrei aver suonato malissimo, detto qualcosa di sbagliato, vorrei avere delle colpe per la mancata attenzione. Purtroppo mi sento innocente, e allora, anche se il posto è bellissimo e rispettatissimo nell’ambiente, prendo la strada di casa e penso che difficilmente tornerò qui. Mi dispiace.

Annunci